Triduo in preparazione dell’anniversario del proprio battesimo

Votorum baptismalium renovatio (Rinnovazione delle promesse battesimali)
Il ricordo annuale del proprio battesimo è talmente importante che la 
Chiesa Cattolica permette in tale giorno di ricevere l'indulgenza plenaria,
a quanti pentiti, confessati e comunicati e devotamente offrendo preghiere 
per le intenzioni del Papa, rinnovano le promesse battesimali.



Pascalis Via Matris: Maria presenta l'umanità a Cristo Crocifisso
Miniatura medioevale del Cantico dei Cantici, Biblioteca di Bamberga

Preferibilmente andare dinanzi al fonte battesimale nella chiesa in cui si è ricevuto il S. Battesimo

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo . Amen.
Atto penitenziale: “Signore Gesù, che sanavi gli infermi e aprivi gli occhi ai ciechi, tu che assolvesti la donna peccatrice e confermasti Pietro nel tuo amore, avvolgimi nella tua misericordia e crea in me un cuore nuovo, perché io possa vivere in perfetta unione con i fratelli e annunziare a tutti la salvezza”.





Lettura biblica
1° giorno:  “Fratelli, non sapete che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Per mezzo del Battesimo siamo dunque stati sepolti insieme con lui nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloriosa potenza del Padre, così anche noi camminiamo in una vita nuova. Se infatti siamo stati completamente uniti a Lui con una morte simile alla sua, lo saremo anche con una risurrezione che somiglia alla sua”. Lettera di San Paolo apostolo ai Romani 6, 3-5

La riflessione della Parola durante il Triduo ci orienta ad esaminarci dinanzi a Dio per ricevere il sacramento della Riconciliazione prima dell’anniversario del nostro battesimo

Invocazioni:

Per mezzo del Battesimo sono divenuto partecipe del Tuo mistero pasquale, sepolto con Te nella morte, risorgerò in Te per l’eternità. Gloria a te o Signore. 
Per il mistero dell’acqua santificata dal tuo Spirito mi hai donato di rinascere a vita nuova. 
Gloria a te o Signore.   
Consacrato col crisma di salvezza sia sempre membro del tuo corpo. Gloria a te o Signore.  
Porti senza macchia la veste bianca segno della mia nuova dignità, viva sempre come figlio della luce, ascoltare la tua parola e professare la mia fede. Gloria a te o Signore.  
Benedici quanti mi hanno aiutato a conoscerti e ad amarti. Gloria a te o Signore.  
Preserva quanti sono stati rivestiti della candida veste del battesimo. Gloria a te o Signore.  
Infondi coraggio e determinazione quando sembra impossibile rimuovere gli ostacoli che impediscono di vivere nella gioia cristiana e nella comunione con la Chiesa. Gloria a te o Signore.  
Inonda della Tua luce il cammino di chi viene a te cercando nuova speranza. Gloria a te o Signore.  
Conforta quanti testimoniano la tua morte e risurrezione. Gloria a te o Signore.  
Sostieni Papa Francesco, il nostro vescovo e tutti i nostri pastori, le nostre comunità e quanti ti annunciano come Salvatore del mondo. Gloria a te o Signore.  

Santa Madre di Dio prega per noi
San Giuseppe prega per noi
Santi Angeli di Dio pregate per noi
Santi Patriarchi e Profeti pregate per noi
Santi Apostoli ed Evangelisti pregate per noi
San (di cui si porta il nome)
San (dei nostri genitori e padrini)
San (di cui siamo devoti)
Santi e Sante tutti di Dio pregate per noi.

Padre nostro e Orazione: Ti ringrazio Dio onnipotente, Padre del nostro Signore Gesù Cristo, che mi hai liberato dal peccato e mi hai fatto rinascere dall'acqua e dallo Spirito Santo, custodiscimi con la tua grazia in Cristo Gesù nostro Signore, per la vita eterna.  Amen. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen (Se possibile usare l’acqua benedetta per fare il segno della croce)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------
Il 2°e 3°  giorno come sopra cambia solo la lettura biblica
2° giorno“Carissimi, stringetevi a Cristo, pietra viva, rifiutata dagli uomini, ma scelta e preziosa davanti a Dio. Anche voi venite impiegati, come pietre vive, per la costruzione di un edificio spirituale, per un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, per mezzo di Gesù Cristo. Voi siete "la stirpe eletta, il sacerdozio regale, la nazione santa, il popolo che Dio si è acquistato, perché proclami le opere meravigliose" di Lui, che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce; voi, che un tempo "non eravate un popolo", ora invece siete il popolo di Dio; voi, "un tempo esclusi dalla misericordia ", ora invece "avete ottenuto misericordia". Prima lettera di San Pietro apostolo 2, 4-5. 9-10

3° giorno: “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie; e ogni tralcio che porta frutto, lo pulisce perché fruttifichi di più. Voi siete già puri, per la parola che vi ho annunziato. Rimanete in me e io in voi.
Come il tralcio non può far frutto da se stesso, se non rimane nella vite, così anche voi se non. rimanete in me. lo sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi i tralci secchi li raccolgono e li gettano nel fuoco e bruciano. Se rimanete in me, e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto; così vi dimostrerete miei discepoli.
Come il Padre ha amato me, così anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio, e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto, perché la mia gioia sia con voi, e la vostra gioia sia piena”. Vangelo secondo Giovanni 15, 1-11
-----------------------------------------------------------------------------------------------------
Il  giorno dell’anniversario del proprio battesimo, dopo la proclamazione del Vangelo durante la S. Messa si rinnovano le promesse battesimali recitando il Simbolo Apostolico o il niceno-costantinopolitano oppure la formula seguente:
Rinuncio al peccato, per vivere nella libertà dei figli di Dio.
Rinuncio alle seduzione del male, per non lasciarmi dominare dal peccato.
Rinuncio a satana, origine e causa di ogni peccato.
Credo in Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra.
Credo in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, che nacque da Maria Vergine, morì e fu sepolto, è risuscitato dai morti e siede alla destra del Padre.
Credo nello Spirito Santo, la Santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne e la vita eterna.

Dopo la comunione eucaristica e la divina adorazione di Gesù sacramentato in noi o dopo la benedizione finale, si prega secondo le intenzioni del S. Padre:

Benedici, o Signore, il nostro Santo Padre, Papa (Nome);
assistilo nel suo ufficio di pastore universale;
sii la sua luce, la sua forza e la sua consolazione:
E a noi concedi di ascoltare, con docilità di cuore,
la sua voce come ascoltiamo la Tua. Padre nostro

Preghiamo  la S. Vergine per il S. Padre
Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,
Santa Madre di Dio:
non disprezzare le suppliche di noi
che siamo nella prova,
e liberaci da ogni pericolo,
o Vergine gloriosa e benedetta.






Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringraziamo per il tuo intervento, ti invitiamo a firmarlo .... almeno il nome. Se inerente al tema, sarà pubblicato quanto prima. Avvertiamo che i commenti con links pubblicitari non verranno pubblicati.